Daily Archives: Saturday, October 9, 2021

  • La storia del monitoraggio dei veicoli GPS

    I gestori di flotte, più della maggior parte degli altri, comprendono come il tracciamento GPS dei veicoli mantenga in vita le aziende di flotte. Tutto ciò che serve è una tecnologia poco costosa e alcuni satelliti spaziali per aiutare le società di flotte a recuperare i veicoli rubati, monitorare la diagnostica del veicolo, migliorare l’efficienza del veicolo e ridurre i tempi di consegna.

    Ma come è iniziato tutto questo? In che modo le società di flotte hanno iniziato a trarre vantaggio dalla rivoluzionaria tecnologia GPS?

    In questo blog, gli esperti di gestione della flotta di Skypatrol risponderanno a queste e ad altre domande, fornendoti una storia completa del GPS e di come alla fine sia diventato un punto fermo del settore della gestione della flotta.

    L’inizio del GPS

    La tecnologia GPS non è uno sviluppo recente. In effetti, la tecnologia GPS è stata oggetto di un brainstorming già negli anni ’60, con molte delle prime tecnologie GPS messe in atto tra la metà e la fine degli anni ’70.

    La storia del GPS nei veicoli della flotta è iniziata nel 1978, quando il satellite GPS sperimentale Block-I (creato da Rockwell International) è stato lanciato nello spazio. Questa è stata una sorta di prova per la diffusione della tecnologia GPS, e anche di successo: nel 1985, altri 10 satelliti Block-I erano nello spazio. Questi satelliti erano utilizzati principalmente per scopi militari, ma avevano una portata limitata: non c’erano ancora abbastanza satelliti GPS nello spazio per il tracciamento diffuso dei veicoli. Ci sono voluti altri nove anni prima che il mondo vedesse un sistema satellitare GPS pienamente operativo: il 17 gennaio 1994, 24 satelliti Block-II dell’aeronautica americana furono lanciati nello spazio per completare la rete GPS.

    Bill Clinton e il GPS

    Come abbiamo affermato in precedenza, il primo GPS veniva utilizzato per scopi militari, aiutando le unità militari a tenere d’occhio veicoli importanti durante le missioni. A quel tempo, il pubblico in generale era a conoscenza del GPS, ma non sembrava avere alcun tipo di interesse per la tecnologia. Non è stato fino al 1996 che il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton ha aiutato il pubblico a vedere il potenziale di mercato di massa del GPS: è stato molto esplicito sulle possibilità del GPS sia per i militari che per i civili e ha emesso una direttiva politica che ha sviluppato un duplice uso Sistema satellitare GPS che potrebbe essere utilizzato per gli interessi del pubblico in generale. Questo cambiamento di politica ha consentito al civile medio di ottenere l’accesso alla tecnologia GPS, compresi i gestori di flotte, che inizialmente hanno visto i vantaggi di poter tenere d’occhio le posizioni dei propri veicoli.

    GPS per veicoli della flotta

    Il GPS era disponibile nelle sue fasi iniziali, ma non era necessariamente economico. Per tracciare i veicoli della flotta, ogni veicolo doveva essere dotato di un dispositivo di localizzazione GPS grande, goffo e costoso. Inoltre, le aziende dovevano pagare una quota elevata solo per accedere al sistema satellitare GPS. In combinazione con la lenta crescita della tecnologia informatica e la velocità di Internet ancora più lenta, il GPS era una tecnologia riservata solo alle società di flotte più ricche e potenti, creando una più ampia divisione della ricchezza tra le società di flotte di alto livello e le società più piccole che cercavano di lasciare il segno sull’industria.

    Fortunatamente, da allora due decenni di progresso tecnologico hanno livellato il campo di gioco nel mondo del tracciamento GPS dei veicoli. Con una maggiore capacità per i sistemi satellitari GPS (e più sistemi su cui i consumatori possono lavorare) i prezzi per l’accessibilità GPS sono diminuiti. Questo, unito alla maggiore accessibilità del software GPS e a connessioni Internet più veloci, ha ridotto drasticamente i costi di installazione dei sistemi GPS per flotte e ne ha reso l’accesso e l’utilizzo più semplice che mai.

    Tracciamento GPS dei veicoli ora e in futuro

    Oggi, i gestori di flotte e le aziende hanno più controllo che mai sui veicoli della loro flotta. I sistemi di tracciamento GPS possono tenere sotto controllo il consumo di carburante, la velocità del conducente, i tempi di inattività, i modelli di guida e i percorsi del conducente e incrociare questi dati con i dati di massa del passato per misurare i miglioramenti sull’efficienza del conducente e della flotta. I gestori di flotte possono persino confrontare i percorsi dei conducenti con il traffico in tempo reale per aiutare i loro conducenti a evitare gli ingorghi ed effettuare consegne più rapide. Non importa la dimensione o il tipo di flotta: i sistemi software di tracciamento GPS e gestione della flotta sono facili da installare e facili da gestire praticamente con qualsiasi budget.

    Ma dove andranno questi sistemi in futuro? In definitiva, l’industria del software di gestione della flotta può apportare alcuni miglioramenti per migliorare la sicurezza dei conducenti monitorando più da vicino il comportamento dei conducenti e consentendo ai gestori di creare sistemi di incentivi alla guida sicura in modo che i conducenti abbiano più motivi per prendere buone decisioni sulla strada. Il tracciamento GPS deve anche migliorare la sua accessibilità complessiva sui dispositivi portatili. Mentre prodotti come Fleet Command di Skypatrol consentono agli utenti di accedere al software di gestione della flotta sui loro dispositivi più popolari da una semplice piattaforma web, altri devono trovare modi per garantire che i gestori di flotta possano gestire le proprie flotte, anche quando non sono in ufficio.

    Nel complesso, la tecnologia di tracciamento GPS e il software di gestione della flotta hanno fatto molta strada negli ultimi decenni e questo progresso si è ripercosso sull’industria della flotta. La necessità di flotte affidabili negli Stati Uniti sta crescendo rapidamente, da 9,54 miliardi di euro nel 2016 a un’industria prevista di 27,9 miliardi di euro entro il 2021, e questo dimostra come alcuni piccoli satelliti si siano dimostrati così preziosi per la flotta industria e commercio americano.